Occhio alle due ruote in città

Pubblicato il 10 ottobre 2015

La nuova campagna per tutelare i mezzi a due ruote

E’ partita “Occhio alle due ruote in città” la nuova campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale ideata da Confindustria Ancma, l’Associazione che riunisce i produttori di cicli, motocicli e accessori, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Comune di Milano e con il sostegno di Fondazione italiana per le 2 ruote.

La campagna vede il coinvolgimento degli operatori del car sharing attivi a Milano e Città Metropolitana (Car2Go, Enjoy, E-Vai, GuidaMi, Twist e Share’nGo) oltre che della società MyTaxi. A partire dai prossimi giorni, infatti, sui finestrini delle auto in condivisione e dei taxi, verrà esposto uno speciale adesivo che ricorderà a guidatori e passeggeri di fare attenzione alla presenza di biciclette, moto e scooter quando si apre la portiera dell’auto, per evitare incidenti stradali.

I dati forniti dal MAIDS (Motorcycles Accidents In-Depth Study), la più completa e approfondita analisi sull’incidentalità delle due ruote a motore, parlano infatti di un 70% dei casi in cui la causa primaria dell’incidente è l’errore umano del conducente dell’altro veicolo, dovuto alla mancanza di percezione del veicolo a due ruote. Seppure secondo l’ACI/ISTAT, nel 2013 i veicoli a due ruote coinvolti in incidenti (mortali e non) si fermano a quota 57.978, con una contrazione del 15,2% rispetto all’anno precedente, sensibilizzare sui rischi che quotidianamente vengono corsi da chi, in strada, sceglie di spostarsi sulle due ruote è fondamentale per diminuire ulteriormente il numero degli incidenti. La campagna “Occhio alle 2 ruote”, inoltre, ha previsto anche la realizzazione del sito web dove trovare tutte le informazioni in merito all’iniziativa.

Dalla strada ai reparti di pediatria, la storia di un clown speciale
Stati Uniti: una banca dei pannolini per le mamme in difficoltà

Tags: , , , , , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...