Pubblicato il 9 ottobre 2015

Nobel per la Pace al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino

“Per il suo contributo determinante nella costruzione di una democrazia pluralistica in Tunisia in seguito alla Rivoluzione dei Gelsomini”. Questa la motivazione con la quale pochi minuti fa il Comitato norvegese dei Nobel di Oslo ha assegnato il Premio Nobel per la Pace 2015 al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino (National Dialogue Quartet), un insieme costituto da quattro organizzazioni chiave della società tunisina: l’Unione generale tunisina del lavoro, la Confederazione dell’industria del commercio e dell’artigianato, la Lega tunisina per i diritti dell’uomo e l’Ordine nazionale degli avvocati di Tunisia.

L’ambizioso riconoscimento, come hanno spiegato i componenti del comitato svedese, è stato conferito al quartetto nella sua interezza, e non alle singole organizzazioni che ne fanno parte, per aver collaborato come mediatori per la democratizzazione del paese, dopo la cosiddetta primavera araba iniziata proprio in Tunisia tra il 2010 e il 2011 e che ha visto il Paese iniziare un difficile percorso per raggiungere la democrazia dopo anni di regime autoritario del presidente Bem Ali.

Il premio, annunciato dalla presidente del Comitato norvegese per il Nobel, Kaci Kullman Five, che verrà consegnato a Oslo il 10 dicembre, arriva in un momento molto delicato del Paese, dove dissidi interni e attentati terroristici vedono la Tunisia ancora lontana dalla pace.

Nulla di fatto, dunque, per i papabili emersi nei giorni scorsi: la cancelliera tedesca Angela Merkel per la sua politica di accoglienza verso i migranti e i rifugiati siriani in Europa; il presidente colombiano Juan Manuel Santos e il leader delle FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) Timoleón Jiménez, per il loro ruolo nel processo di pace in Colombia; il quotidiano russo Novaya Gazeta e il suo editore Dmitry Muratov per aver continuato a esercitare il diritto di cronaca nonostante le intimidazioni; l’associazione Articolo 9, impegnata per la difesa dell’articolo 9 della Costituzione giapponese finalizzato al mantenimento della pace; i tre congolesi, Jeanne Nacatche Banyere, Jeannette Kahindo Bindu e Denis Mukwege, per l’impegno contro la violenza sessuale in Africa. Tra i possibili vincitori, nei giorni scorsi, sono stati fatti anche i nomi di Papa Francesco, dell’associazione Unchr, del religioso eritreo Don Mussie Zerai e del sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini.

Foto di copertina: Xinhua/Pan Chaoyue

"Cibo Civile Toscana": quando l'agricoltura e il cibo diventano sociali
Bimbo salvato dalle allergie con il lavaggio del sangue

Tags: , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

1 risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...