Pubblicato il 7 ottobre 2015

CSR: Nixive ottiene l'”impronta sociale” per i suoi prodotti

Ottimo riconoscimento per Nexive, il primo operatore postale privato in Italia, che ha ottenuto la cosiddetta “impronta sociale” dei propri prodotti. L’annuncio è arrivato in occasione del Salone della Csr e dell’Innovazione Sociale in programma ieri e oggi a Milano. L’azienda ha reso notom, infatti, di aver ricevuto la Certificazione Social Footprint – Product Social Identity (Sfp), volta a certificare l’attenzione dedicata alle persone, all’organizzazione e alla filiera.

Il modello prende ispirazione dal concetto di impronta ambientale, che misura le risorse naturali necessarie alla produzione di un bene, e lo applica a dimensioni sociali quali l’organizzazione, le persone e la filiera di riferimento.

La certificazione prevede due livelli: un livello base, rappresentato dalla lettera ‘A’ e un livello approfondito, rappresentato dalle lettere ‘AAA’. Nexive, primo operatore nel settore postale e seconda società italiana (dopo Ecopneus) a conseguire la certificazione Sfp, ha ottenuto il livello approfondito AAA.

«Quella di Nexive», dichiara Maria Laura Cantarelli, Public Affairs & Corporate Communication Director di Nexive, «è una visione di lungo periodo che coinvolge clienti e fornitori nella creazione di una filiera socialmente responsabile e che incoraggia gli utenti ad effettuare scelte di acquisto consapevoli. Questa Certificazione ci aiuta a valorizzare il nostro impegno sociale e ci consente di anticipare il recepimento della direttiva Europea sulla rendicontazione non finanziaria. Siamo molto orgogliosi di averla ottenuta».

Il progetto Social FootPrint (Sfp) è promosso da Bureau Veritas, Certiquality e Dnv Gl, tre tra i principali organismi di certificazione nazionali e internazionali e vede il coinvolgimento, nella definizione degli indicatori utilizzati per la misurazione dell’impronta sociale, di soggetti quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Toscana: una regione sempre più “green”
Milano: il Museo Farfalla entra nelle scuole

Tags: , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...