Pubblicato il 3 ottobre 2015

Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile

A fine settembre le Nazioni Unite, durante il Sustainable Development Summit, hanno lanciato i nuovi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per il benessere dell’Uomo e della Terra. Nuovi target, quindi, che guardano al 2030 (Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile) e che sostituiscono gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, approvati nel 2000, che hanno connotato i primi quindici anni del millennio.

I nuovi obiettivi sono ancor più impegnativi per la comunità internazionale rispetto ai precedenti e si articolano in tre grandi aree: lotta alla povertà, superamento delle diseguaglianze e delle ingiustizie, contrasto ai cambiamenti climatici. A questi si aggiunge l’impegno ad attivare forme di cooperazione per lo sviluppo sostenibile attraverso accordi globali e strumenti operativi.

Pubblichiamo, di seguito, la versione sintetica dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdgs). Chi volesse approfondire può consultare la versione integrale del documento approvato dalle Nazioni Unite e confrontare i nuovi target con gli Obiettivi del Millennio.

 

No alla povertà
Porre fine alla povertà in ogni sua forma, in tutto il mondo.

Fame zero
Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare e migliorare la nutrizione e l’agricoltura sostenibile.

Buona salute e benessere
Assicurare una vita in salute e promuovere il benessere per tutti, a tutte le età.

Educazione di qualità
Assicurare un’educazione di qualità, inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento per tutti per tutta la vita.

Parità di genere
Raggiungere la parità di genere e dare maggiore potere a tutte le donne e le ragazze.

Acqua pulita e servizi igienici
Assicurare la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e servizi igienici per tutti.

Energia pulita e a buon mercato
Assicurare a tutti l’accesso all’energia a buon mercato, affidabile, sostenibile e moderna.

Lavoro dignitoso e crescita economica
Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un lavoro dignitoso e un impiego redditizio.

Industria, innovazione e infrastrutture
Costruire infrastrutture resilienti, promuovere un’industrializzazione inclusiva e sostenibile e promuovere l’innovazione.

Ridurre le disuguaglianze
Ridurre le disuguaglianze all’interno e tra i paesi.

Città e comunità sostenibili
Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili.

Consumo e produzione responsabili
Assicurare modelli di consumo e produzione sostenibili.

Azione per il clima
Agire urgentemente per contrastare i cambiamenti climatici e i suoi impatti.

Vita sottomarina
Proteggere e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile.

Vita sulla terra
Proteggere, ristabilire e promuovere l’utilizzo sostenibile degli ecosistemi terrestri, la gestione sostenibile delle foreste, combattere la desertificazione, arrestare e invertire il degrado del suolo e fermare la perdita di biodiversità.

Pace e giustizia, istituzioni più forti
Promuovere società inclusive e pacifiche per lo sviluppo sostenibile, fornire l’accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e inclusive a tutti i livelli.

Cooperazione per gli obiettivi
Rafforzare gli strumenti per la realizzazione degli obiettivi e dare nuova vita agli accordi globali per lo sviluppo sostenibile.

 

A proposito di economia civile: il cibo civile
Giovani ricercatori contro i paradossi del sistema alimentare

Tags: , , , ,

Valerio Roberto Cavallucci

Responsabile delle sezioni di approfondimento: Responsabilità sociale; Legalità; Innovazione sociale; Sostenibilità ambientale; Partenariato Pubblico Privato.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...