Pubblicato il 24 settembre 2015

Disturbi alimentari: l’aiuto arriva dal web

I Disturbi del Comportamento Alimentare, come l’anoressia o la bulimia, costituiscono in Italia la prima causa di morte per malattia nelle giovani tra i 12 e i 25 anni. E sono più di 2.665.000 gli adolescenti di questa stessa fascia di età ad avere problemi con cibo, peso e immagine corporea e a soffrire di un simile disturbo. Purtroppo però solo il 10% di chi ne soffre trova la forza e il coraggio di chiedere aiuto, a causa di mancato riconoscimento o sottovalutazione dei sintomi, incapacità e, soprattutto, paura o timore di essere giudicati.

Per cercare di prevenire e curare il fenomeno la Onlus “Never Give Up”, nata nel 2014 a Roma, ha deciso di dar vita a una piattaforma web in grado di essere un punto di incontro e scambio, per favorire la possibilità di ricevere aiuto, di relazionarsi e di concretizzare una via di uscita. L’associazione si è affidata fino ad oggi a forme di autofinanziamento, tra cui il crowdfunding, lanciando una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Eppela che le ha consentito finora, a 11 giorni dalla chiusura della raccolta, di raggiungere quota 25 mila euro, circa 10 mila euro in meno rispetto al “goal” fissato a 35 mila euro.

Tra i benefattori anche molti volti noti del mondo dello spettacolo tra cui Aurora Ruffinio, celebre protagonista della serie tv “Braccialetti Rossi”, che è diventata testimonial della campagna di Never Give Up.

Nella prospettiva di costruire la piattaforma on-line di supporto, dal dicembre del 2014 la Onlus offre già gratuitamente un servizio di supporto via email all’indirizzo sos@never-give-up.it , con cui si impegna a rispondere in 24 ore.

Per effettuare una donazione clicca qui.

Enjoy: il successo del vehicle sharing tutto italiano
Avvocato dona zainetti a 23 mila bambini di Detroit

Tags: , , , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...