Pubblicato il 22 settembre 2015

Un viaggio virtuale nella Chieti di 2000 anni fa

Un tuffo nel passato attraverso una passeggiata virtuale organizzata per conoscere e scoprire la Chieti di 2000 anni fa. E’ questo l’obiettivo di “La Teate degli Asinii”, un’iniziativa andata in scena nella città abruzzese durante il fine settimana appena trascorso.

Nella giornata del 20 settembre sono stati organizzati due appuntamenti, uno alle 10.30 e l’altro alle 15,30, con partenza dal Museo Archeologico Nazionale La Civitella, che hanno consentito agli utenti di poter ammirare i principali siti archeologici cittadini in “realtà virtuale aumentata”.

Scaricando l’applicazione su smartphone e tablet il visitatore ha, infatti, passeggiato nel centro storico di Chieti per scoprire come erano realizzati anfiteatro, teatro, terme e tempietti.

L’applicazione è stata realizzata dalla Soprintendenza Archeologia dell’Abruzzo attraverso un finanziamento di 64.000 euro da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che ha realizzato l’applicazione che consente di comprendere l’importanza dei resti archeologici emergenti nella città e come si sviluppava il nucleo urbano della Teate romana.

Il progetto, realizzato in collaborazione con le associazioni culturali teatine Archeoclub d’Italia, Italia Nostra, FAI, Gaio Asinio Pollione e Mnemosyne, è stato presentato dall’archeologa Sandra Lapenna, la direttrice del Polo Museale d’Abruzzo Lucia Arbace, la dirigente del MIBACT Jannette Papadopoulos, i tecnici della società Altrama che ha creato l’applicazione per i dispositivi mobili.

Monreale: niente tasse per chi denuncia gli usurai
Milano: una città a portata di Alzheimer

Tags: , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...