Pubblicato il 15 settembre 2015

Meet smart cities: i Comuni alla ricerca di idee innovative

Mettere in contatto le amministrazioni comunali con startup innovative, associazioni e organizzazioni no profit per dar vita a un approccio più “smart” nella trasformazione urbana.

E’ questo l’obiettivo di Meet smart cities, l’iniziativa promossa dall’omonimo osservatorio nazionale dell’Anci, che ha l’obiettivo di far incontrare le idee degli innovatori sociali con le politiche urbane delle città e amplificare la capacità di fundraising di progetti di trasformazione urbana. All’origine del progetto, la constatazione che ormai i Comuni, per esigenze soprattutto economiche, sono sempre più costretti a farsi da parte nelle strategie di trasformazione delle città, lasciando spazio a nuovi protagonisti che spesso provengono proprio dal mondo del Terzo settore.

Dall’analisi delle iniziative valutate nell’ambito dell’osservatorio Smart city dell’Anci e da quella condotta attraverso la piattaforma www.italiasmartcities.it emerge, infatti, che un progetto su cinque tra le 1.200 iniziative che le città hanno inserito nella piattaforma www.italiansmartcities.it vede la partecipazione di almeno un’associazione o un’organizzazione no profit. Nella maggior parte dei casi non si tratta di progetti ideati dal Comune e affidati a soggetti del terzo settore o organizzazioni cittadine ma, al contrario, di idee che dal mondo del sociale e dell’impresa vengono riconosciute dall’amministrazione come funzionali a rispondere ai bisogni del proprio territorio.

Ed è proprio alla luce di queste riflessione che prende vita Meet smart cities. L’iniziativa dell’Anci si articola in due fasi:

  • Presentazione e pre-selezione delle idee di innovazione per le città: fino al 2 ottobre sarà possibile inviare all’osservatorio Smart city dell’Anci le proprie idee. Una rosa ristretta di soluzioni sarà selezionata e presentata alle città e a possibili sponsor/finanziatori;
  • Smart city exhibition 2015: il 16 ottobre innovatori e città si incontreranno a Bologna per confrontarsi. I primi presenteranno le proprie idee e soluzioni, le seconde avranno la possibilità di adottarne o patrocinare una o più. Saranno invitati a prendere parte all’incontro anche rappresentanti delle aziende e possibili finanziatori, che potranno supportare la fase di implementazione delle idee nei Comuni.
Greenpeace: appello contro la deforestazione amazzonica
WeWorld: un flash mob per gli studenti

Tags: , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...