l’idea di Bryan Ware, un papà creativo di San Francisco

Pubblicato il 7 settembre 2015

Crayon: il riciclo che colora gli ospedali pediatrici

Riciclare gli avanzi di pastelli creandone nuovi per i bambini in ospedale: è questa l’idea di Bryan Ware, un papà creativo di San Francisco

Bryan Ware, di fronte allo spreco di pastelli avanzati, che vengono gettati via dalle scuole e dai ristoranti, ha trovato un interessante modo per riutilizzarli: li scioglie e ne ricava dei pastelli nuovi che vengono poi donati ai bambini ricoverati negli ospedali pediatrici di tutta la California.

L’idea del papà è nata nel 2011 durante i festeggiamenti del suo compleanno in un ristorante, quando un cameriere portò ai suoi due figli alcuni pastelli. Ware si chiese che fine avrebbero fatto quei colori dopo essere stati usati dai suoi bambini. Quando scoprì che i pastelli venivano buttati via, decise di attivarsi contro questo spreco attraverso l’iniziativa Crayon che distribuisce i nuovi pastelli, creati dai vecchi, ai bambini negli ospedali.

lniziativa Crayon

Il riciclo degli avanzi di pastelli

Si tratta di un procedimento semplice: dopo aver preso tutti i pastelli usati, i volontari li sciolgono in pentoloni, poi versano il contenuto in stampi personalizzati, che gli permettono di ottenere fino a 96 nuovi pastelli ogni volta, e li lasciano seccare. I nuovi pastelli sono più spessi e quindi anche più facili da utilizzare per tutti quei bambini che hanno difficoltà motorie.

Come dichiara lo stesso Bryan: «se questi pastelli danno loro una via di fuga da quella stanza d’ospedale per dieci minuti, abbiamo fatto il nostro lavoro».

Fino ad adesso sono state consegnate oltre 2.000 scatole, un gran risultato per questa grande e lodevole iniziativa.

Montagne inquinate per colpa dell’abbigliamento
Tra zenzero e curcuma, i cibi etnici spopolano in Italia

Tags: , , , , , ,

Veronica de Meo

Ho lavorato come editing, creative content writer, e dal 2015 sono ritornata a vivere a Pescara dove lavoro con passione alla “Felicità Pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...