Un gruppo di giovani donne masai

Pubblicato il 1 settembre 2015

Infibulazione addio: le ragazze Masai crescono con penna e libro

Il 28 agosto in Kenya la prima grande cerimonia di passaggio all’età adulta senza il peggiore dei “tagli” per le ragazze Masai. Una vittoria delle Ong locali e internazionali.

Sono 1.200 le ragazze Masai che hanno preso parte alla prima grande cerimonia di passaggio all’età adulta senza il crudele rito dell’infibulazione, la recisione del clitoride alla quale ogni anno milioni di donne sono sottoposte in tutto il mondo. Si tratta di una pratica che espone le ragazze sottoposte alla mutilazione genitale al rischio in infezioni e malattie, che spesso possono portare addirittura alla morte, e che, nella “migliore” delle ipotesi, provocano alle vittime dolori e assenza di piacere sessuale. Nonostante nel 2012 l’Onu abbia dichiarato la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili, infatti, sono ancora circa 100 milioni le bambine e giovani ragazze che vengono sottoposte al rituale “taglio”. Il 90% delle mutilazioni avviene in Africa e in particolare in Mali, Sudan, Kenya, Tanzania ed Egitto.

Fortunatamente negli ultimi anni, anche grazie all’impegno di molte organizzazioni umanitarie internazionali, sono diverse le tribù che stanno pian piano abbandonando questo rito che si tramanda dall’antichità. Negli ultimi tre anni in Kenya e Tanzania più di 7.000 ragazze sono state salvate dalla mutilazione grazie all’appoggio di otto comunità locali e al sostegno formale di oltre 350 leader locali. L’opera di sensibilizzazione è iniziata dialogando con gli anziani e i guerrieri che ritengono una vergogna sposare una donna non infibulata. Grazie alla lotta dell’associazione Amref e di alcune donne locali che hanno cercato di spiegare le ripercussioni che tali pratiche hanno sulla salute, sull’educazione e sulla vita sessuale delle giovani, in alcune zone si è riusciti a cambiare rotta.

E’ il caso dei Masai che il 28 agosto hanno celebrato il primo grande rito di passaggio alternativo dove le ragazze sono state benedette con un libro e una penna. Una nuova strada nel segno dei riti della tradizione. Le giovani sono state svegliate nel cuore della notte, lavate, vestite e condotte lontano dall’abitazione. Ma invece di essere mutilate con un coltello, sono state benedette con una penna e hanno prestato giuramento su un libro. La celebrazione è stata preceduta da tre giorni in cui le ragazze hanno ricevuto lezioni di educazione alla sessualità e di sensibilizzazione su Aids e diritti umani.

Boom di addetti del Terzo Settore in Italia
L’educazione ambientale arriva nelle scuole italiane

Tags: , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...