Sposa bambina con suo marito in Afghanistan

Pubblicato il 1 settembre 2015

Il parlamento italiano dice no alle spose bambine

La Camera dei deputati ha approvato all’unanimità, nei giorni scorsi, una mozione contro i matrimoni precoci e/o forzati.

Il documento è stato presentato da Pia Locatelli, coordinatrice del gruppo di lavoro parlamentare “Salute globale e diritti delle donne”. La mozione impegna il governo: “a dare attuazione alla risoluzione Onu contro i matrimoni di minori, precoci, forzati; a sostenere a livello globale una rinnovata campagna per prevenire ed eliminare questa pratica che viola i diritti umani delle bambine; a sostenere finanziariamente programmi e progetti di cooperazione internazionale per la prevenzione e l’abbandono dei matrimoni di minori, precoci e forzati”.

Sebbene il fenomeno delle spose bambine sembri distante anni luce dalla nostra società, infatti, anche l’Italia non è estranea a simili fenomeni, come evidenziato dalla Locatelli durante il suo intervento sugli scranni parlamentari.

«Sono 146 i paesi dove le ragazze possono sposarsi al di sotto dei 18 anni e in ben 52 paesi possono farlo anche prima di compiere i 15 anni», ha spiegato l’onorevole. «Ma anche dove la legge lo impedisce, si verificano casi limite di matrimoni combinati con bambine anche di 8 o 10 anni. Si tratta di una vera e propria pedofilia legalizzata che coinvolge ogni anno 15 milioni di ragazze. Questa pratica crudele è diffusa in molti Paesi del mondo, in particolare in Asia meridionale e in Africa sub-sahariana, ma interessa anche la stessa Italia dove i dati, pochi e non ufficiali, parlano di 2 mila ragazze, anche nate nel nostro Paese, ma costrette a sposarsi negli stati di origine».

Soddisfazione per la decisione del Parlamento italiano è stata espressa dall’associazione Aidos (Associazione italiana donne per lo sviluppo). «La mozione approvata dalla Camera dei deputati», evidenzia il presidente Maria Grazia Panunzi, «costituisce una tappa nel percorso del governo italiano volto a promuovere i diritti delle ragazze e a contrastare, pertanto, le pratiche dannose come i matrimoni forzati e/o precoci, così come le mutilazioni genitali femminili, ed è una tappa del lavoro del gruppo parlamentare per il quale Aidos svolge il segretariato. Sebbene importante questa mozione, poiché richiama il governo italiano ad assolvere impegni assunti in ambito internazionale», aggiunge però la responsabile dell’associazione, «è importante sottolineare che gli impegni politici devono essere supportati da impegni finanziari volti a promuovere attività concrete che permettano di avviare utili azioni pilota».

 

Agricoltura sociale: da quest’estate è legge
Boom di addetti del Terzo Settore in Italia

Tags: , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...