Pubblicato il 31 agosto 2015

L’educazione ambientale arriva nelle scuole italiane

Imparare il rispetto per l’ambiente, la tutela degli animali e l’importanza di un’alimentazione sostenibile sui banchi di scuola sarà possibile a partire dall’anno scolastico 2015/2016.

Il governo ha, infatti, deciso di introdurre l’insegnamento dell’educazione ambientale che diventerà una materia scolastica obbligatoria a tutti gli effetti. Si tratta di un’iniziativa congiunta del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dell’Istruzione che verrà inserita dalla scuola dell’infanzia alla maturità, già a partire dall’anno scolastico che sta per iniziare.

«Il lavoro che ci ha visto impegnati per mesi», ha spiegato il sottosegretario al Ministero dell’Ambiente Barbara Degani, «parte proprio dai bambini e non poteva che essere così. Sono loro il nostro futuro e potranno a pieno titolo essere chiamati nativi ambientali. Io credo che comminare sanzioni, contemplare reati in ambito ambientale sia doveroso ma non sia sufficiente: è necessario intervenire con una politica di grande respiro, a lungo termine altrimenti il patrimonio che abbiamo a disposizione oggi non ci sarà più domani».

Ad accogliere con soddisfazione l’importante novità in tema di istruzione è la Lav (Lega Anti vivisenzione). «Si tratta di un avanzamento importante, che accogliamo con soddisfazione», ha commentato Giacomo Bottinelli, responsabile Lav Settore Educazione sottolineando però la necessità di introdurre anche una specifica educazione in materia di etologia comportamentale degli animali e del loro rispetto, come del resto già previsto nell’articolo 5 della Legge 189 del 2004 contro i maltrattamenti degli animali.

Infibulazione addio: le ragazze Masai crescono con penna e libro
Il Miur costituisce l’Osservatorio per l’inclusione degli studenti disabili

Tags: , , , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...