• 27 2017 giugno

    In giro per le caleidoscopiche Isole Borromee

    di Camilla Isotti. Milano è ammaliante non solo perché offre ampia scelta all’interno della città (tra eventi, cultura, cinema e teatro non si ha mai tempo di fare tutto!), ma anche in termini “dintorni”. Quando si avvicina l’estate, il caldo diventa insopportabile e i tacchi si sciolgono nell’asfalto, il cittadino milanese comincia ad avere necessità impellente di evasione durante

    ( Continua a leggere )
    isole borromee

    di Camilla Isotti. Milano è ammaliante non solo perché offre ampia scelta all’interno della città (tra eventi, cultura, cinema e teatro non si ha mai tempo di fare tutto!), ma anche in termini “dintorni”. Quando si avvicina l’estate, il caldo diventa insopportabile e i tacchi si sciolgono nell’asfalto, il cittadino milanese comincia ad avere necessità impellente di evasione durante

    Continua a leggere... →
  • 27 2017 giugno

    Gay Pride ad Istanbul: la polizia impedisce la manifestazione

    La Turchia è il solo Paese musulmano del Medio Oriente in cui l’omosessualità non è vietata per legge. Eppure a Istanbul – dove si è recentemente tenuta la marcia del Gay Pride – si sono verificati fatti che probabilmente ci danno una misura di quanto il Paese in questione stia perdendo terreno in fatto di diritti civili. C’è stato

    ( Continua a leggere )
    Gay Pride Istanbul

    La Turchia è il solo Paese musulmano del Medio Oriente in cui l’omosessualità non è vietata per legge. Eppure a Istanbul – dove si è recentemente tenuta la marcia del Gay Pride – si sono verificati fatti che probabilmente ci danno una misura di quanto il Paese in questione stia perdendo terreno in fatto di diritti civili. C’è stato

    Continua a leggere... →
  • 27 2017 giugno

    Yemen in ginocchio per l’epidemia di colera, Unicef e Oms rilanciano l’allarme

    La peggiore epidemia di colera nel mondo sta avvenendo adesso, sotto i nostri occhi – almeno per chi è intenzionato a vedere – nello Yemen. Un Paese, quello asiatico, devastato dalla guerra in cui sono morte già 1.3000 persone di cui un quarto sono bambini. In questo clima apocalittico, sono 200.000 i casi sospetti e aumentano a un ritmo

    ( Continua a leggere )
    epidemia di colera

    La peggiore epidemia di colera nel mondo sta avvenendo adesso, sotto i nostri occhi – almeno per chi è intenzionato a vedere – nello Yemen. Un Paese, quello asiatico, devastato dalla guerra in cui sono morte già 1.3000 persone di cui un quarto sono bambini. In questo clima apocalittico, sono 200.000 i casi sospetti e aumentano a un ritmo

    Continua a leggere... →
  • 26 2017 giugno

    La storia di Skeggia e di due amici: passione e allegria verso la Mongolia

    Questa è una storia che parla di viaggi, passioni, avventura, solidarietà e un briciolo di follia! E’ la storia di due amici emiliani, Roberto e Gian Andrea, rispettivamente 56 e 69 anni, di un’associazione sportiva dilettantistica che promuove l’automobilismo d’epoca, la Ferrouno, di una delle associazioni umanitarie più note al mondo, Save the Children, e di una Fiat 126

    ( Continua a leggere )
    skeggia

    Questa è una storia che parla di viaggi, passioni, avventura, solidarietà e un briciolo di follia! E’ la storia di due amici emiliani, Roberto e Gian Andrea, rispettivamente 56 e 69 anni, di un’associazione sportiva dilettantistica che promuove l’automobilismo d’epoca, la Ferrouno, di una delle associazioni umanitarie più note al mondo, Save the Children, e di una Fiat 126

    Continua a leggere... →
  • 26 2017 giugno

    Via libera all’indicazione di qualità “prodotto di montagna”

    Attraverso la Conferenza Stato-Regioni arriva il decreto che dà via libera all’utilizzo dell’indicazione di qualità di prodotto di montagna. Chiariamo subito che non si tratta di un marchio obbligatorio ma conferisce «rilievo alle produzioni montane per il loro valore non solo economico, ma anche sociale e di tenuta del territorio», così come ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole,

    ( Continua a leggere )
    indicazione di qualità prodotto di montagna

    Attraverso la Conferenza Stato-Regioni arriva il decreto che dà via libera all’utilizzo dell’indicazione di qualità di prodotto di montagna. Chiariamo subito che non si tratta di un marchio obbligatorio ma conferisce «rilievo alle produzioni montane per il loro valore non solo economico, ma anche sociale e di tenuta del territorio», così come ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole,

    Continua a leggere... →